Assistenza economica

Sono destinatari degli interventi di assistenza economica i cittadini e gli stranieri residenti nel territorio comunale che versano in condizioni di bisogno, inteso quale condizione personale e/o familiare di rischio di esclusione sociale, determinata da carenza reddituale, a fronte di una ridotta capacità di autonomo superamento delle difficoltà connesse.

Nei limiti delle risorse finanziarie disponibili annualmente, vengono erogati contributi finalizzati a fronteggiare situazioni di disagio socio-economico.

Le forme di intervento economico previste dall'apposito regolamento si articolano in:

  • contributo economico urgente (pronto cassa)
     
  • contributo economico straordinario (in caso di documento stato di bisogno)
     
  • assistenza abitativa: quando non è possibile risolvere casi di disagio abitativo con altri strumenti, quali l'assegnazione di alloggi popolari o altre misure, il comune, al fine di facilitare comunque l'accesso all'abitazione ha previsto un aiuto economico destinato a persone e famiglie non in grado di sostenere le spese per la stipula del contratto di locazione e che può coprire al massimo le spese dei primi due mesi d'affitto (specificatamente indicate nel contratto di locazione) anticipati dal conduttore.

I soggetti richiedenti devono avere reddito non superiore al cosiddetto "minimo vitale" il cui ammontare è determinato ogni anno, e trovarsi in stato di disagio sociale verificato dalle assistenti sociali.

Come fare

Le istanze, corredate dai documenti attestanti lo stato di disagio econnomico, presentate allo sportello dei servizi sociali, saranno valutate dalle assistenti sociali e verranno accolte in base alle risorse finanziarie disponibili.

 

data ultima modifica: 
Martedì, 2 Agosto, 2016 - 16:00